skip to Main Content
+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Regolamento sui benchmark: emanati nuovi Regolamenti delegatiRegolamento di esecuzione della Commissione 8 agosto 2018, n. 1105 – Che stabilisce norme tecniche di attuazione per quanto riguarda le procedure e i formulari per la trasmissione di informazioni dalle autorità competenti all’ESMA a norma del regolamento (UE) 2016/1011 del Parlamento europeo e del Consiglio

Nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea dello scorso 9 agosto, è stato pubblicato il Regolamento di esecuzione in commento, che stabilisce norme tecniche di attuazione (ITS) per quanto riguarda le procedure e i formulari per la trasmissione di informazioni dalle autorità competenti all’ESMA a norma del Regolamento (UE) 2016/1011 del Parlamento europeo e del Consiglio sugli indici usati come indici di riferimento negli strumenti finanziari e nei contratti finanziari o per misurare la performance di fondi di investimento (c.d. Regolamento benchmark).

L’articolo 47, paragrafo 2, del Regolamento (UE) 2016/1011 stabilisce che le Autorità competenti forniscono all’ESMA tutte le informazioni necessarie per l’espletamento dei suoi compiti.

Al fine di garantire una comunicazione efficace ed efficiente, le Autorità competenti e l’ESMA dovrebbero avvalersi di canali di comunicazione definiti, in particolare persone di contatto designate e formulari standard, per chiedere informazioni, accusare il ricevimento delle richieste di informazioni e rispondere alle medesime.

Le informazioni che le Autorità competenti sono tenute a fornire a norma dell’articolo 47, paragrafo 2, del Regolamento (UE) 2016/1011 comprendono le informazioni necessarie a consentire all’ESMA di istituire e tenere il registro pubblico di cui all’articolo 36, paragrafo 1, del medesimo Regolamento, in particolare le informazioni di cui all’articolo 36, paragrafo 1, lettere a), c) e d), e le eventuali successive modifiche di tali informazioni.

Le Autorità competenti e l’ESMA dovrebbero essere tenute a concordare le specifiche tecniche che disciplinano l’invio di tali informazioni al sito web dell’ESMA al fine di garantire che le informazioni siano trasmesse in modo corretto e sicuro.

Le informazioni che le Autorità competenti devono fornire all’ESMA a norma del Regolamento (UE) 2016/1011 possono contenere dati personali e altre informazioni sensibili che non sono di dominio pubblico. È, quindi, importante che la trasmissione di informazioni sia disciplinata da salvaguardie adeguate e norme in materia di riservatezza.

Le Autorità competenti e l’ESMA dovrebbero disporre di tempo sufficiente per porre in essere procedure per la trasmissione delle informazioni di cui al Regolamento in commento. È, pertanto, opportuno che il Regolamento in commento si applichi due mesi dopo la sua entrata in vigore, ossia a decorrere dal prossimo 29 ottobre.

Consulta il testo integrale -> Regolamento UE 8 agosto 2018, n. 1105

Back To Top