+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Contabilizzazione delle operazioni in valuta estera e anticipi: adottata l’IFRIC 22Regolamento (UE) 2018/519 della Commissione del 28 marzo 2018 – Che modifica il Regolamento (CE) n. 1126/2008 che adotta taluni principi contabili internazionali conformemente al Regolamento (CE) n. 1606/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda l’Interpretazione 22 dell’International Financial Reporting Interpretations Committee

Nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea dello scorso 3 aprile, è stato pubblicato il Regolamento in commento, che modifica il Regolamento (CE) n. 1126/2008 che adotta taluni principi contabili internazionali conformemente al Regolamento (CE) n. 1606/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda l’Interpretazione 22 Operazioni in valuta estera e anticipi dell’International Financial Reporting Interpretations Committee (IFRIC 22).

Con il Regolamento (CE) n. 1126/2008 della Commissione sono stati adottati taluni principi e interpretazioni contabili internazionali esistenti al 15 ottobre 2008.

L’8 dicembre 2016 l’International Accounting Standards Board (IASB) ha pubblicato l’Interpretazione 22 Operazioni in valuta estera e anticipi dell’International Financial Reporting Interpretations Committee (IFRIC 22).

L’interpretazione si è resa necessaria in quanto l’IFRIC ha ricevuto una domanda in cui si chiedeva come determinare “la data dell’operazione” a norma dei paragrafi 21-22 dello IAS 21 Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere, ai fini della rilevazione del ricavo.

L’Interpretazione chiarisce la contabilizzazione di operazioni che comprendono la ricezione o il pagamento di anticipi in valuta estera.

Nello specifico, la data dell’operazione ai fini della determinazione del tasso di cambio da applicare al momento della rilevazione iniziale dell’attività, del costo o del ricavo connesso (o di parte dell’attività, del costo o del ricavo connesso) è la data in cui l’entità rileva inizialmente l’attività non monetaria o la passività non monetaria determinata dal versamento o dal ricevimento di un anticipo.

La consultazione dello European Financial Reporting Advisory Group (EFRAG) conferma che l’Interpretazione IFRIC 22 soddisfa i criteri di adozione previsti dall’articolo 3, paragrafo 2, del Regolamento (CE) n. 1606/2002.

È opportuno, pertanto, modificare di conseguenza il Regolamento (CE) n. 1126/2008.

Le imprese applicano le modifiche al più tardi a partire dalla data di inizio del loro primo esercizio finanziario che cominci il 1° gennaio 2018 o successivamente.

Consulta il testo integrale -> Regolamento UE 28 marzo 2018, n.  519