+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato – Determina 23 febbraio 2018 – Linee Guida per lo svolgimento del tirocinio di cui all’articolo 3 del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, per l’ammissione all’esame di idoneità professionale e per l’esercizio dell’attività di revisione legale

Con la determina in commento, la Ragioneria Generale dello Stato informa che sono state approvate, dopo essere state sottoposte a consultazione pubblica fino al 7 dicembre 2017, le “Linee Guida” per lo svolgimento del tirocinio in materia di revisione legale dei conti.

Il decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, definisce il tirocinio come un periodo di formazione finalizzato all’acquisizione della capacità di applicare concretamente le conoscenze teoriche necessarie per il superamento dell’esame di idoneità professionale e per l’esercizio dell’attività di revisione legale.

Con il decreto legislativo 17 luglio 2016, n. 135, che ha recepito la direttiva comunitaria n. 2014/56/UE, sono state successivamente apportate modifiche in varie parti del decreto legislativo n. 39 del 2010.

Alla base delle diverse istanze di miglioramento vi è il riconoscimento della “funzione economica finanziaria e sociale” della revisione legale e la necessità di inquadrarla in un’ottica estesa di tutela dell’interesse pubblico.

Con riferimento allo svolgimento del tirocinio professionale il decreto legislativo n. 135/2016 ne ha di fatto modificato la cornice legislativa pur confermandone gli elementi essenziali già previsti in precedenza (durata triennale, requisiti di accesso, maturazione di competenze e di capacità coerenti con l’attività cui il praticantato è finalizzato).

La riforma, tuttavia, ha inteso rafforzare il ruolo del tirocinio rimarcandone la centralità rispetto all’obiettivo di assicurare che i practitioners incaricati di asseverare l’integrità dei bilanci societari siano stati formati in modo serio e rigoroso.

Il tirocinio è, pertanto, concepito quale momento di effettiva partecipazione pratica dell’aspirante revisore legale ai processi di revisione riguardanti incarichi professionali affidati al proprio “dominus”, con una maggiore responsabilizzazione di questi ultimi in ordine alla maturazione professionale del praticante.

In particolare, in coerenza con le previsioni comunitarie tese ad innalzare la qualità complessiva dei servizi di revisione offerti sul mercato, è stato chiarito già nella norma primaria:

– che il tirocinante ha l’obbligo di collaborare allo svolgimento di incarichi del revisore legale o della società di revisione legale presso i quali il tirocinio è svolto;

– che il dominus ha il compito di assicurare e controllare l’effettiva collaborazione del tirocinante all’attività relativa a uno o più incarichi revisione legale;

– che, per provvedere con tempi e modi adeguati a tale supervisione, ciascun dominus può accogliere nel proprio studio un numero massimo di 3 tirocinanti.

Ciò premesso, le Linee Guida in commento hanno lo scopo di incentivare buone prassi nello svolgimento del tirocinio da revisore legale, enunciando i criteri cui il tirocinante deve attenersi nel quadro del percorso di abilitazione e sulla base dei quali il dominus deve impostare il lavoro dell’aspirante revisore.

Esse costituiscono, pertanto, uno strumento di ausilio e di orientamento per tutti i praticanti che affrontano il periodo del tirocinio, i quali sono poi chiamati a documentare in apposite relazioni le attività svolte e le competenze in concreto maturate nel corso del periodo di applicazione.

È, infine, in corso l’aggiornamento del modello on-line di compilazione della relazione annuale, che sarà reso disponibile a breve nell’apposita sezione del sito istituzionale.

Nelle more, è possibile continuare ad utilizzare il modello TR-04, avendo cura che dallo stesso emergano tutte quelle informazioni che sono essenziali per una piena comprensione dell’attività di revisione legale cui il tirocinante ha in concreto assistito o partecipato, in coerenza con i criteri enunciati dalle Linee Guida.

Consulta il testo integrale -> Determina 23 febbraio 2018Linee Guida 23 febbraio 2018