+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Formazione continua dei revisori legali: istruzioni del MEFMinistero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato – Circolare 28 febbraio 2018, n. 6 – Istruzioni in materia di formazione continua dei revisori legali iscritti nel registro per l’anno 2018, in attuazione dell’articolo 5 del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, come modificato dal decreto legislativo 17 luglio 2016, n. 135

Con la circolare in commento, il Ministero delle Finanze e dell’Economia, dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, ha fornito istruzioni in materia di formazione continua dei revisori legali iscritti nel registro per l’anno 2018.

I chiarimenti si sono resi necessari alla luce delle disposizioni di cui all’articolo 5 del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, come modificato dal decreto legislativo 17 luglio 2016, n. 135.

Le istruzioni in commento, interessano sia i revisori legali che i formatori.

Relativamente agli obblighi formativi per i revisori legali, la Ragioneria generale dello Stato precisa che:

– ogni anno il revisore deve maturare almeno 20 crediti per un minimo di 60 nel triennio, senza possibilità né di compensarli con quelli eventualmente totalizzati in eccesso l’anno prima, né di recuperarli l’anno successivo se non maturati nell’anno di riferimento;

– nel 2018 si dovranno maturare 40 crediti, sia i 20 dell’anno in corso, sia i 20 relativi al 2017, che dovranno ora essere recuperati dopo la proroga concessa dalla stessa Ragioneria a causa dei ritardi nell’avvio del sistema di formazione;

– chi non è riuscito a centrare l’obiettivo minimo nel primo anno di debutto del nuovo obbligo formativo, ed ha sfruttato la proroga al 2018, dovrà completare tutta la formazione entro quest’anno, per essere in regola.

Relativamente agli enti che impartiscono la formazione, sono stati confermati i canali di formazione già disponibili nello scorso anno 2017, ovvero:

– la formazione diretta del Ministero dell’economia e delle finanze;

– la partecipazione a corsi organizzati da enti pubblici e privati accreditati;

– il riconoscimento della formazione professionale continua per i professionisti iscritti in Albi professionali ed i responsabili della revisione e collaboratori delle società di revisione.

Infine, i corsi potranno essere tenuti a distanza oppure in aula ed è prevista anche la possibilità dello svolgimento in entrambe le modalità ed i contenuti dei corsi devono essere quelli elencati nel programma annuale 2018.

Consulta il testo integrale -> Ragioneria Generale dello Stato – Circolare 28 febbraio 2018, n. 6