+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Societa quotateDirettiva del Parlamento europeo e del Consiglio 17 maggio 2017, n. 828 – Che modifica la direttiva 2007/36/CE per quanto riguarda l’incoraggiamento dell’impegno a lungo termine degli azionisti

Nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea dello scorso 20 maggio, è stata pubblicata la Direttiva in commento, che modifica la Direttiva 2007/36/CE relativa all’esercizio di alcuni diritti degli azionisti di società quotate (Shareholder Rights Directive, SHRD) per quanto riguarda l’incoraggiamento dell’impegno a lungo termine degli azionisti.

La Direttiva 2007/36/CE del Parlamento europeo e del Consiglio stabilisce i requisiti relativi all’esercizio di alcuni diritti degli azionisti conferiti da azioni con diritto di voto in relazione alle assemblee generali di società che hanno la loro sede legale in uno Stato membro e le cui azioni sono ammesse alla negoziazione su un mercato regolamentato situato o operante all’interno di uno Stato membro.

La crisi finanziaria ha messo in evidenza che, in molti casi, gli azionisti hanno sostenuto l’assunzione di rischi eccessivi a breve termine da parte dei dirigenti. Inoltre, vi sono prove evidenti della frequente inadeguatezza e dell’attenzione troppo incentrata sui rendimenti a breve termine dell’attuale livello di “controllo” delle società partecipate e di impegno degli investitori istituzionali e dei gestori di attivi, che possono condurre a un governo societario e a risultati non ottimali.

Nella sua comunicazione del 12 dicembre 2012 dal titolo “Piano d’azione su diritto europeo delle società e governo societario – una disciplina giuridica moderna a favore di azionisti più impegnati e società sostenibili”, la Commissione ha annunciato una serie di iniziative in materia di governo societario, in particolare per incoraggiare l’impegno a lungo termine degli azionisti e aumentare la trasparenza tra società e investitori.

Gli Stati membri mettono in vigore le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla Direttiva in commento entro il 10 giugno 2019.

Consulta il testo integrale ->  Direttiva UE 17 maggio 2017, n. 828