skip to Main Content
+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Consob: monito sugli investimenti in CFD, rolling spot forex e opzioni binarieConsob – Comunicato 7 febbraio 2017 – Comunicazione Consob a tutela dei risparmiatori sui rischi legati a investimenti in CFD e opzioni binarie

Si segnala l’interessante comunicato in commento, a tutela dei risparmiatori, con il quale la Consob lancia un monito sugli investimenti in CFD, rolling spot forex e opzioni binarie.

Si tratta di alcune nuove forme di investimento finanziario che si stanno rapidamente diffondendo anche in Italia, e che, secondo la Consob, non sono adatte alla maggior parte degli investitori, in quanto possono comportare perdite anche ben superiori al capitale inizialmente investito.

La Consob precisa, inoltre, che, in base alla normativa vigente, dispone di limitati poteri di vigilanza e/o intervento nei confronti degli intermediari che le propongono, in quanto si tratta fondamentalmente di imprese di investimento o banche comunitarie che operano in Italia in libera prestazione di servizi oppure comunitarie o extracomunitarie presenti in Italia con una succursale.

Riassumendo, infine, la Consob avverte che:

– l’investimento in CFD, rolling spot forex e opzioni binarie, non è adatto alla maggior parte degli investitori;

– tale forma di investimento può comportare perdite anche ben superiori al capitale inizialmente investito;

– occorre procedere ad avviare l’operatività soltanto dopo aver effettivamente compreso e valutato tutti i rischi connessi all’investimento in parola;

– è necessario accertarsi sempre che il soggetto offerente sia autorizzato ad operare in Italia, consultando gli appositi elenchi tenuti a cura della Consob (per quanto riguarda le imprese di investimento) e della Banca d’Italia (per quanto riguarda le banche), reperibili sui rispettivi siti istituzionali. A tal fine è opportuno consultare altresì la sezione “Avvisi ai risparmiatori” presente sul sito istituzionale Consob, contenente le segnalazioni, provenienti da autorità di vigilanza estere, oltre che dalla stessa Consob, di attività di tipo finanziario svolte abusivamente e dei soggetti cui fanno capo.

Consulta il testo integrale -> Consob – Comunicato 7 febbraio 2017

Back To Top