skip to Main Content
+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Bilancio degli intermediari non IFRS: pubblicate le disposizioni della Banca d’ItaliaBanca d’Italia – Disposizioni 2 agosto 2016 – Il bilancio degli intermediari non IFRS

Nella Gazzetta Ufficiale n. 246 dello scorso 20 ottobre, sono state pubblicate le disposizioni in commento, in materia di bilanci degli intermediari non IFRS, ossia operatori del microcredito e confidi minori.

Diventano, pertanto, operative le disposizioni alle quali gli intermediari finanziari non IFRS si devono attenere per la redazione del bilancio dell’impresa e del bilancio consolidato.

La Banca d’Italia ha, infatti, il potere di emanare disposizioni relativamente alle forme tecniche, su base individuale e su base consolidata, dei bilanci e delle situazioni dei conti destinate al pubblico, nonché alle modalità e ai termini della pubblicazione delle situazioni dei conti.

Le disposizioni in commento si applicano a partire dal bilancio dell’impresa e dal bilancio consolidato relativi all’esercizio chiuso o in corso al 31 dicembre 2016, salvo le informazioni della nota integrativa relative alle seguenti tabelle:

– “Variazioni nell’esercizio delle Attività per imposte anticipate”;

– “Variazioni nell’esercizio delle Passività per imposte differite” della Parte B “Informazioni sullo stato patrimoniale” e i dati di flusso contenuti nella Parte D “Altre informazioni”, Sezione 1 “Riferimenti specifici sull’attività svolta” della nota integrativa decorrono dai bilanci riferiti all’esercizio chiuso o in corso al 31 dicembre 2017.

Infine, le informazioni richieste in forma tabellare nella nota integrativa possono essere fornite in forma libera, anziché secondo le previste tabelle, soltanto nel bilancio dell’impresa e nel bilancio consolidato relativi all’esercizio chiuso o in corso al 31 dicembre 2016.

Consulta il testo integrale -> Banca d’Italia – Disposizioni 2 agosto 2016 – Il bilancio degli intermediari non IFRS

Back To Top