+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Emissione e all’offerta di strumenti finanziari: emanate nuove disposizioni in materia di segnalazioni a carattere consuntivoBanca d’Italia – Provvedimento 10 agosto 2016 – Disposizioni in materia di segnalazioni a carattere consuntivo relative all’emissione e all’offerta di strumenti finanziari

Con il provvedimento in commento, Banca d’Italia ha modificato le disposizioni in materia di segnalazioni a carattere consuntivo relative all’emissione ed all’offerta di strumenti finanziari, adottate con provvedimento del 25 agosto 2015.

La maggior parte delle modifiche, riguardanti la decorrenza degli obblighi segnaletici e la tempistica degli stessi, sono limitate ai seguenti soggetti di cui alla lettera c) del paragrafo 2.1. delle Disposizioni:

i. soggetti che collocano in Italia gli strumenti finanziari emessi da soggetti non residenti diversi da quelli indicati alla lettera b) del paragrafo 2.1. “Ambito di applicazione” delle Disposizioni;

ii. in assenza di soggetti collocatori di cui al punto i), l’offerente, nel caso di offerta al pubblico.

Nello specifico, con riferimento ai soggetti sopra indicati:

– è modificata la tempistica di cui alla lettera a) del paragrafo 3 “Contenuto e modalità della segnalazione”;

– la decorrenza degli obblighi segnaletici è posticipata al 1° gennaio 2017; resta fermo che le informazioni relative agli strumenti finanziari collocati o offerti nel periodo dal 1° ottobre 2016 al 31 dicembre 2016 dovranno essere segnalate entro il 20 gennaio 2017;

– le informazioni relative all’ammontare dei rimborsi anticipati, così come le informazioni trimestrali periodiche successive al trimestre di chiusura del collocamento di covered warrants, certificates, ETC e ETN, non sono dovute.

Infine, con riferimento a tutti i soggetti destinatari della disciplina, si precisa che la segnalazione dell’importo collocato o sottoscritto all’estero, di cui alla Sezione 4 “Informazioni di carattere quantitativo”, è dovuta solo per gli emittenti residenti.

Le nuove disposizioni saranno in vigore a far data dal prossimo 1° ottobre.

Consulta il testo integrale -> Banca d’Italia – Provvedimento 10 agosto 2016