skip to Main Content
+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Rating di legalità: più stringenti i controlli sulle imprese che decidono di richiederloAutorità Garante della Concorrenza e del Mercato – Delibera 13 luglio 2016, n. 26166 – Modifiche al regolamento attuativo in materia di rating di legalità

Nella Gazzetta Ufficiale n. 213 dello scorso 12 settembre, è stata pubblicata la Delibera in commento dell’Antitrust che riporta le modifiche al regolamento attuativo in materia di rating di legalità.

Con l’entrata in vigore del Regolamento in commento, i controlli sulle imprese che decidono di richiedere il rating di legalità diventano più stringenti.

Il Regolamento arriva dopo un periodo di consultazione abbastanza lungo. Rispetto alle versioni precedenti, le verifiche per ottenere il rating non coinvolgeranno solo titolari e direttori tecnici, ma anche i procuratori speciali. Alle attività di controllo parteciperà inoltre la Guardia di Finanza.

Rating di legalità

Il rating di legalità è lo strumento di valutazione, attivato su base volontaria, che certifica il rispetto delle norme antimafia e anticorruzione, sulla circolazione del contante e la regolarità retributiva, contributiva e assicurativa nei confronti dei lavoratori.

Le imprese più virtuose possono ottenere fino a tre stellette ed il punteggio ottenuto costituisce un criterio premiante nell’accesso al credito e nella partecipazione alle gare d’appalto.

Destinatari

Il Regolamento si rivolge alle imprese, in forma individuale o collettiva, che:

– abbiano sede operativa nel territorio nazionale;

– abbiano raggiunto un fatturato minimo di due milioni di euro nell’ultimo esercizio chiuso nell’anno precedente alla richiesta di rating, riferito alla singola impresa o al gruppo di appartenenza e risultante da un bilancio regolarmente approvato dall’organo aziendale competente e pubblicato ai sensi di legge;

– risultino iscritte, alla data della richiesta di rating, nel registro delle imprese da almeno due anni.

Procedura

Le imprese che intendono ottenere il rating di legalità devono presentare all’Autorità apposita domanda che deve essere redatta compilando il formulario pubblicato sul sito dell’Autorità, sottoscritta dal legale rappresentante ed inoltrata per via telematica secondo le indicazioni fornite sul sito dell’Autorità.

Il Regolamento riporta l’iter per il rilascio del rating di legalità ponendo particolare attenzione alla valutazione dei requisiti.

Durata e rinnovo

Una volta ottenuto, il rating di legalità ha durata di due anni dal rilascio ed è rinnovabile su richiesta.

In sintesi, nel Regolamento vengono definiti:

  • i requisiti per l’attribuzione del rating di legalità;
  • la valutazione ed il possesso dei requisiti;
  • il procedimento per l’attribuzione del rating di legalità:
  • la durata, modifica, rinnovo, sospensione e revoca del rating di legalità;
  • gli obblighi informativi;
  • l’elenco delle imprese con rating di legalità.

Il Regolamento è in vigore a far data dallo scorso 13 settembre.

Consulta il testo integrale -> AGCM – Delibera 13 luglio 2016, n. 26166

Back To Top