skip to Main Content
+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Bail-in: esclusione dall'applicazione dei poteri di svalutazione o conversioneTribunale Ordinario di Roma – Sezione Fallimentare – Direttiva di Sezione 23 maggio 2016

In materia di bail-in, la Sezione Fallimentare del Tribunale Ordinario di Roma ha fornito importanti direttive dei curatori fallimentari, dei liquidatori e dei commissari giudiziali.

Come noto, con i Decreti Legislativi n. 180 e n. 181 del 16 novembre 2015 è stata data attuazione, nell’ordinamento italiano, alla Direttiva 2014/59/UE, la quale istituisce un regime armonizzato nell’ambito dell’Unione europea in tema di prevenzione e gestione delle crisi delle banche e delle imprese d’investimento.

In particolare, il D.Lgs. n. 180/2015 ha introdotto, a far data dal 1° gennaio 2016, il c.d. bail-in, che consiste nella riduzione dei diritti degli azionisti e dei creditori o nella conversione in capitale dei diritti di questi ultimi. Con riferimento ai creditori, l’art. 49, comma 1, del citato D.Lgs. n. 180/2015 dispone che “sono soggette a bail-in tutte le passività”, fatta eccezione per quelle indicate ai commi 1 e 2 della norma medesima.

La Sezione Fallimentare del Tribunale di Roma, avendo appurato che i crediti relativi ai depositi delle procedure concorsuali (fallimento e, concordato preventivo) sono soggette al sopra indicato bail-in, e, dunque, rischiano, in caso di crisi della banca depositaria, di subirne i pesanti effetti, ha richiamano l’attenzione dei curatori fallimentari, dei liquidatori e dei commissari giudiziali sull’argomento, invitandoli a verificare quali siano le giacenze sui conti delle procedure ed a provvedere, nel caso in cui vi siano depositi che possano soggiacere al bail-in, ad osservare l’adeguata vigilanza sulla solidità degli Istituti di credito e ad assumere tutte le iniziative ritenute adeguate, in primo luogo l’effettuazione delle ripartizioni delle somme presenti all’attivo che non siano impedite da specifiche situazioni contingenti.

Consulta il testo integrale -> Tribunale di Roma – Direttiva di Sezione 23 maggio 2016

Back To Top