skip to Main Content
+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Fondi pensione: la Covip ha proceduto alla revisione complessiva della regolamentazione in materia di adesioni alle forme pensionistiche complementari e all’informativa da rendere disponibile agli interessatiFondi pensione: la Covip ha proceduto alla revisione complessiva della regolamentazione in materia di adesioni alle forme pensionistiche complementari e all’informativa da rendere disponibile agli interessati

A conclusione delle procedure di consultazione, avviate nel mese di dicembre e terminate nei primi mesi del 2016, tenendo conto delle osservazioni pervenute, la Covip ha adottato, lo scorso 25 maggio, i seguenti provvedimenti:

– Delibera Covip 25 maggio 2016 recante modifiche e integrazioni alla Delibera 31 ottobre 2006 di “Adozione degli schemi di statuto, di regolamento e di nota informativa, ai sensi dell’articolo 19, comma 2, lettera g) del Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252”, nella parte relativa allo Schema di nota informativa.

Sono state, dunque, apportate modifiche allo Schema di Nota informativa adottato nell’ottobre 2006, compreso un nuovo Schema di modulo di adesione e le metodologie per la nettizzazione dei rendimenti dei PIP e dei benchmark.

Nello specifico, la Sezione della Nota informativa ora denominata “Scheda sintetica”, viene integralmente sostituita con la Sezione I “Informazioni chiave per l’aderente”.

Le variazioni apportate hanno la finalità di:

– rendere possibile l’adesione alle forme pensionistiche complementari mediante la consegna della sola Scheda sintetica (come previsto dal nuovo Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari), semplificando la rappresentazione delle informazioni, da una parte, e riducendo gli oneri amministrativi per i fondi, dall’altra;

– migliorare la confrontabilità tra le diverse forme pensionistiche, in particolare con riguardo al profilo dei costi.

Le altre Sezioni della Nota informativa sono variate limitatamente alle parti da rendere coerenti con le novità introdotte.

La Delibera sarà in vigore a far data dal 1° gennaio 2017. Le forme pensionistiche complementari adeguano i propri documenti alla stessa entro il 31 marzo 2017.

– Delibera Covip 25 maggio 2016 recante Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari.

Le novità introdotte nel nuovo Regolamento, che sostituisce quello adottato nel maggio 2008, sono funzionali, in primo luogo, ad adattare la disciplina regolamentare alle modifiche ed integrazioni apportate con la Deliberazione 25 maggio 2016 allo Schema di Nota informativa, di cui alla Delibera Covip 31 ottobre 2006 e, in particolare, alla prevista concentrazione di tutte le informazioni essenziali per l’adesione nella I Sezione dello stesso, denominata appunto “Informazioni chiave per l’aderente”, che diventa l’unico documento da consegnare obbligatoriamente all’atto dell’adesione, mentre la più ampia Nota informativa resta un documento da consegnare solo a richiesta e da rendere, comunque, disponibile sul sito web.

In conformità alle citate modifiche e integrazioni allo Schema di Nota informativa, il Titolo I del Regolamento viene ora denominato “Documenti informativi”, tenendo conto della funzione svolta dalla nuova Sezione “Informazioni chiave per l’aderente” che, pur costituendo la prima Sezione della Nota informativa, assume una sua specifica autonomia.

La novità più significativa in tale ambito è, quindi, quella contenuta nell’art. 7, che disciplina le modalità di raccolta delle adesioni, prevedendo che l’adesione alle forme pensionistiche complementari è preceduta dalla consegna della sola Sezione “Informazioni chiave per l’aderente” e non più dalla Nota informativa in formato integrale. Quest’ultima, unitamente allo statuto o regolamento e, per i PIP, alle condizioni generali di contratto, deve essere pubblicata sul sito e consegnata gratuitamente solo agli aderenti che ne facciano richiesta.

Detto intervento è finalizzato a conseguire due importanti obiettivi nella fase della raccolta delle adesioni: quello di sottoporre agli interessati un documento più snello e di più facile lettura, che in forma sintetica e con l’ausilio di rappresentazioni grafiche contenga tutte le informazioni chiave relative alla forma pensionistica e al suo posizionamento rispetto alle altre forme pensionistiche complementari e quello di ridurre gli oneri amministrativi per i fondi e per le società istitutrici, rendendo possibile l’adesione attraverso la consegna di un documento più breve e semplificato.

Il Regolamento sarà in vigore a far data dal 1° aprile 2017;

– Delibera Covip 25 maggio 2016 recante modifiche alla delibera del 31 gennaio 2008 recante le istruzioni per la redazione del “Progetto esemplificativo: stima della pensione complementare” e ulteriori disposizioni.

Nell’occasione degli interventi sopra richiamati è stata, altresì, variata la denominazione del documento “Progetto esemplificativo: stima della pensione complementare”, che già nel 2008 la Covip aveva introdotto come elemento obbligatorio dell’informazione da fornire agli aderenti alle forme pensionistiche complementari.

L’intervento, dunque, è sostanzialmente motivato dalla opportunità di intervenire sulla denominazione del documento, che viene ora modificata in “La mia pensione complementare”.

La scelta è da inquadrare in un’ottica di semplificazione del linguaggio ed è volta a rendere più immediata la finalità del documento. La decisione è assunta anche al fine di realizzare una maggiore uniformità tra la denominazione di detto documento, da tempo oramai diffuso nel sistema di previdenza complementare e, nella versione personalizzata, recapitato ogni anno a ciascun iscritto, a quella utilizzata per la proiezione della pensione obbligatoria resa da quest’anno disponibile dall’INPS (“La mia pensione”).

La Delibera sarà in vigore a far data dal 1° gennaio 2017.

Consulta il testo integrale -> Delibera Covip 25 maggio 2016Delibera Covip 25 maggio 2016 – Delibera Covip 25 maggio 2016 

Back To Top