skip to Main Content
+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Riforma delle banche popolari: il Tar si pronuncia sui ricorsiTribunale Amministrativo Regionale per il Lazio – Sentenza 10 febbraio 2016

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, con la decisione in commento, ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato da Adusbef e da Federconsumatori, per l’annullamento della Circolare Banca d’Italia n. 285 del 17 dicembre 2013 nella parte inserita a seguito del 9° aggiornamento del 9 giugno 2015, concernente la riforma delle banche popolari, relativamente al rimborso delle azioni spettanti ai soci uscenti.

Nello specifico, i ricorsi nel merito sono due: quello presentato dai soci di Banca Popolare di Sondrio, Bpm, Banco Popolare, Veneto Banca e Ubi Banca e quello presentato da Adusbef, Federconsumatori e dodici azionisti di Banca Popolare di Milano.

Da parte sua, Bankitalia ha presentato una memoria difensiva in cui sostiene che il nuovo regolamento attuativo della riforma adegua la normativa italiana alle regole già in vigore in diversi Paesi europei.

La riforma obbliga le banche popolari con attivi superiori agli 8 miliardi ad abbandonare il principio del voto capitario e trasformarsi in S.p.A. entro dicembre 2016.

Il Tar del Lazio, infine, dovrebbe pronunciarsi, a breve, su un terzo ricorso più tecnico presentato da alcuni soci di Ubi Banca contro un punto dei regolamenti di Bankitalia, ossia quello relativo all’impossibilità di costituire una holding bancaria costituita dagli ex soci per controllare la nuova S.p.A..

Le motivazioni verranno pubblicate successivamente.

Consulta il testo integrale -> TAR Lazio Sentenza 10 febbraio 2016

Back To Top