skip to Main Content
+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Contratto di conto corrente: la banca deve dimostrare l’entità del proprio credito producendo gli estratti conto a partire dall’apertura del conto stessoCassazione Civile – Ordinanza 8 ottobre 2015, n. 20221

Rapporti bancari in conto corrente – Prova del credito – Estratti di conto corrente

Con l’ordinanza in commento, la Sesta Sezione della Suprema Corte di Cassazione, in materia di contratto di conto corrente, ha ribadito il principio secondo cui la banca, quale attore in senso sostanziale, deve dimostrare l’entità del proprio credito vantato nei confronti del correntista mediante la produzione in giudizio degli estratti conto a partire dall’apertura del conto corrente stesso onde consentire, attraverso l’integrale ricostruzione del dare e dell’avere con applicazione del tasso di interesse, di determinare il credito stesso, ove sussistente.

La Suprema Corte ha, inoltre, affermato che è ormai principio pacifico in giurisprudenza quello secondo cui l’approvazione dell’estratto conto non ha alcun rilievo probatorio riguardo l’efficacia e la validità dei rapporti sostanziali tra le parti, limitandosi, dunque, a rendere “incontestabili soltanto le registrazioni a debito e credito nella loro realtà contabile”.

Consulta il testo integrale -> Cassazione Civile – Ordinanza 8 ottobre 2015, n. 20221

Back To Top