skip to Main Content
+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 – Disposizioni di vigilanza per le banche – 11° aggiornamento

Controlli interni: Banca d’Italia aggiorna le Disposizioni di vigilanza per le banche Lo scorso 21 luglio, Banca d’Italia ha pubblicato l’11° aggiornamento della Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013, recante “Disposizioni di vigilanza per le banche”.

L’aggiornamento in commento introduce nella Parte Prima, Titolo IV della Circolare n. 285 i Capitoli 3 (Sistema dei controlli interni), 4 (Sistema informativo), 5 (Continuità operativa) e 6 (Governo e gestione del rischio di liquidità), prima contenuti nella Circolare n. 263 del 27 dicembre 2006.

Prosegue, quindi, l’obiettivo di semplificare e razionalizzare la normativa di vigilanza, facendola progressivamente confluire in un’unica Circolare.

Le maggiori novità sono contenute nel Capitolo relativo al “Sistema dei controlli interni”, che è stato modificato al fine di:

– disciplinare i sistemi interni di segnalazione delle violazioni (c.d. whistleblowing);

– introdurre specifici presidi a fronte dei rischi connessi alla quota di attività vincolate delle banche (c.d. asset encumbrance);

– chiarire alcuni dubbi interpretativi relativi alla possibilità di esternalizzare funzioni di secondo e terzo livello a uno stesso soggetto.

Inoltre, i Capitoli sono stati aggiornati per allineare i riferimenti all’autorità competente dei procedimenti amministrativi o destinataria delle comunicazioni di vigilanza, a seconda dei casi Banca d’Italia o Banca centrale europea, al contesto normativo del Meccanismo di Vigilanza Unico.

La disciplina sui sistemi interni di segnalazione delle violazioni e quella relativa ai rischi connessi alla quota di attività vincolate sono state sottoposte a consultazione pubblica (e, per la prima, è stata svolta anche l’analisi d’impatto della regolamentazione).

Tutte le altre modifiche non sono state sottoposte alla procedura di consultazione pubblica, né all’analisi d’impatto della regolamentazione, in quanto, esse, da un lato, rappresentano un’interpretazione sistematica della normativa vigente e non hanno carattere innovativo dell’ordinamento e, dall’altro, rappresentano un mero allineamento alle norme di derivazione europea che non prevedono ambiti di discrezionalità rimessa alle Autorità competenti.

Le disposizioni contenute nell’aggiornamento sono in vigore a far data dal giorno successivo a quello di pubblicazione nel sito informatico della Banca d’Italia.

Le banche dovranno adeguarsi alle previsioni in materia di sistema di segnalazione delle violazioni, contenute nella Parte Prima, Titolo IV, Capitolo 3, Sezione VIII della Circolare n. 285, entro il 31 dicembre 2015.

Consulta il testo integrale -> Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013

 

Back To Top