skip to Main Content
+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Fideiussioni rilasciate a favore di banche: l’art. 1938 c.c. non si applica

Corte d’Appello di Bari – Sentenza 6 ottobre 2014

La Corte d’Appello di Bari, con l’ordinanza in commento, ha ribadito il principio recentemente affermato dalla Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 5951 del 14 marzo 2014, secondo cui, in tema di fideiussioni, l’art. 1938 codice civile, così come modificato dalla legge 17 febbraio 1992, n. 154, il quale prevede la necessità della determinazione dell’importo massimo garantito per le obbligazioni future, non si applica soltanto alle fideiussioni rilasciate a favore di banche o di società finanziarie, posto che né la lettera della norma, né la sua “ratio”, consentono tale limitazione.

In attuazione di tale principio la Corte d’Appello ha ritenuto, quindi, non suscettibile di esecutività, in Italia, un provvedimento sommario olandese di condanna al pagamento di una somma di denaro emesso in attuazione di una garanzia per debiti futuri (concessa da società italiana per debiti di controllate olandesi e regolata dal diritto olandese), priva dell’indicazione dell’ammontare massimo garantito, e per ciò da ritenersi nulla per contrarietà all’ordine pubblico ai sensi dell’art. 1938 c.c..

Consulta il testo integrale ->  Corte d’Appello di Bari – Sentenza 6 ottobre 2014

Back To Top