skip to Main Content
+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Corte di Giustizia Europea:Interpretazione articolo 107

Corte di Giustizia Europea – Sentenza 17 settembre 2014

“Rinvio pregiudiziale – Concorrenza – Aiuti di Stato – Articolo 107, paragrafo 1, TFUE – Nozione d’aiuto – Garanzie prestate da un’impresa pubblica a una banca ai fini della concessione di crediti a terzi mutuatari – Garanzie prestate deliberatamente dal direttore di tale impresa pubblica in violazione delle disposizioni statutarie di quest’ultima – Presunzione di opposizione dell’ente pubblico proprietario di detta impresa – Imputabilità delle garanzie allo Stato”

Con la sentenza in commento, la Corte di Giustizia Europea si pronuncia sull’ interpretazione dell’articolo 107, paragrafo 1, TFUE, statuendo che quest’ultimo dev’essere interpretato nel senso che, per determinare se le garanzie prestate da un’impresa pubblica siano o meno imputabili all’autorità pubblica che la controlla, assumono rilevanza, unitamente all’insieme degli indizi risultanti dalle circostanze del procedimento principale e dal contesto nel quale dette garanzie sono intervenute, le circostanze secondo cui, da un lato, l’amministratore unico della suddetta impresa, il quale ha concesso tali garanzie, ha agito irregolarmente, ha deliberatamente mantenuto segreta la loro concessione e ha violato lo statuto della sua impresa, e, dall’altro, la menzionata autorità pubblica si sarebbe opposta alla prestazione di dette garanzie se ne fosse stata informata.

Tali circostanze sono di per sé sole idonee ad escludere, in una situazione come quella di cui al procedimento principale, una siffatta imputabilità solamente qualora da esse risulti che le garanzie di cui trattasi sono state prestate senza il coinvolgimento della stessa autorità pubblica.

Consulta il testo integrale -> Corte di Giustizia Europea – Sentenza 17 settembre 2014

Back To Top