+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Responsabilità della banca: pagamento di assegno non trasferibile a soggetto diverso dal prenditore

Cassazione Civile – Sentenza 13 giugno 2014, n. 13508

 Assegno non trasferibile – pagamento a soggetto diverso dal prenditore – responsabilità della banca – fattispecie

Con la sentenza in commento, la Suprema Corte si è pronunciata in materia di responsabilità della banca nel caso di pagamento di un assegno non trasferibile a soggetto diverso dal prenditore.

La vicenda trae origine dalla richiesta di risarcimento danno avanzata da un cliente della BNL, il quale imputava alla stessa di aver accreditato l’importo di assegni circolari non trasferibili su un conto corrente intestato ad un soggetto diverso dal prenditore, nella specie un promotore finanziario che si era poi appropriato dell’intera somma.

Gli assegni circolari, emessi da altre banche all’ordine del cliente, con clausola di non trasferibilità, risultavano girati per l’incasso alla filiale della BNL e l’importo accreditato sul conto corrente intestato al promotore finanziario, previo, però, consenso del prenditore-beneficiario, il quale aveva, così, manifestato la propria volontà di derogare alla clausola di non trasferibilità, con conseguente esclusione di ogni antigiuridicità dell’operato della banca per presunta violazione dell’art. 43 della legge assegni (R.D. 21 dicembre 1933, n. 1736), applicabile all’assegno circolare in virtù del richiamo di cui all’art. 86, comma 1, R.D. citato.

Consulta il testo integrale -> Cassazione Civile – Sentenza 13 giugno 2014, n. 13508