skip to Main Content
+39 091-6260146 info@creditofinanzanews.it  

Scandalo del dissesto Parmalat

Cassazione Civile – Sentenza 14 luglio 2014, n. 16065

Con l’ordinanza in commento, le Sezioni Unite Civili, hanno messo un punto fermo circa l’individuazione del foro competente nelle cause di risarcimento danni promosse dagli investitori nei confronti di istituti di credito e società finanziarie coinvolte nello scandalo del dissesto Parmalat.

L’individuazione del giudice italiano, quale giudice competente, scaturisce dalle seguenti considerazioni:

• il Gruppo Parmalat era italiano;

• in Italia si era aperta la procedura di amministrazione straordinaria;

• in Italia era stata esercitata l’azione penale in relazione alle responsabilità degli organi sociali;

• in Italia si era realizzato il collegamento probatorio e funzionale tra la causa petendi dell’azione delle attrici e i fatti dedotti in giudizio.

I giudici hanno, quindi, respinto le doglianze degli istituti di credito e delle società finanziarie convenute, che, avendo sede principale all’estero, intendevano negare la giurisdizione del giudice italiano.

————————–

Il documento citato è presente in ARIANNA – Normativa creditizia e finanziaria.

Back To Top